SPESA CON L’AUTORE AL MERCATO DELLA TERRA DI IMOLA

VENERDI’ 8 NOVEMBRE ore 16.30

c'eran due bimbe.gifC’eran due bimbe in cucina…”

Con l’autunno torna più forte la voglia di cucinare in casa. E allora è la stagione buona anche per scoprire, o riscoprire, qualche ricetta. “C’eran due bimbe in cucina…Ricordi da mangiare” scritto da Stefania Callegari e Rosarita Berardi, illustrato da Jan Guerrini ed edito da La Mandragora è un ricettario particolare dove alle istruzioni per preparare i piatti si “impastano” aneddoti, ricordi, riflessioni sulla propria famiglia, la propria terra e tutto quello che il cibo riunisce in sé: la vita.

A raccontarci ricette e ricordi, guidandoci in una singolare “spesa con l’autore” fra i banchi del Mercato della terra di Imola saranno Stefania Callegari e Jan Guerrini, ospiti del Mercato della terra di Imola dell’8 novembre dalle 16.30.

Dopo una breve introduzione, direttamente fra i banchi del mercato scopriremo come utilizzare alcuni dei principali prodotti di stagione. A seguire un mini laboratorio a cura della stessa Stefania Callegari sulla cucina di recupero.

NOTA SUGLI AUTORI DI “C’ERAN DUE BIMBE IN CUCINA…”

Rosarita Berardi

Scrive da sempre perché la scrittura è il salotto dove incontra se stessa e il mondo. Pubblica dal 2001 e ama sperimentare contaminazioni artistiche fra vari generi e scritture a più mani (due, quattro, sei… dipende dagli amici che incontra!).

Sue poesie sono state tradotte e pubblicate in francese e in rumeno.

Stefania Callegari

Scrive perché glielo ha detto Rosarita in un momentaccio brutto della vita.

Scrivere l’ha divertita molto, oltre ad averle “tirato fuori” sentimenti sommersi…

Di solito si interessa di cibo, di sapori e di odori della vita, fino a farne un mestiere.

Le sue confetture sono conosciute e amate in (quasi) tutti i continenti.

Jan Guerrini

Grafico e illustratore dal tratto elegante e sensibile. Cornice e ironico folletto di

questa avventura letteraria, con garbo discreto ha dato forma e figura ai ricordi delle due autrici.


I sapori del castagneto e non solo al Mercato della terra, dalle 16 alle 19

Avremo anche questo venerdì i marroni delle selve delle nostre Vallate. In particolare avremo i frutti delle Selve di Villa Sassonero dalla Valsillaro dell’azienda agricola Angirelle che proporrà anche i cartocci di caldarroste.

Due produttori che sono già presenti con i loro prodotti di ortofrutta al mercato porteranno anche i frutti dei loro castagneti e sono Nerio Cassani (castagneti a Tirli) e Sinergie Rurali (castagneti sulla collina modiglianese).

Non mancherà il miele di castagno raccolto dalle api di Roberto Betti in Vallata.

L’autunno offre ormai tutti i suoi frutti. Frutta secca come mandorle e noci, mele, i primi cachi e kiwi biologici delle aziende Vernelli e Quinzan, mentre Sinergie rurali propone verze, cavoli, porri.

Tornerà, raccolta in corso permettendo, l’azienda agricola I Cuori con il suo profumatissimo zafferano di Romagna.

L’azienda agricola di Ragazzini di Fontanelice ai salumi di sua produzione aggiunge la proposta di carne di maiale e da venerdì anche di pollo biologico. Con la fine dell’estate l’azienda ha infatti ripreso le macellazioni settimanali e, oltre ai salumi, porterà anche la carne fresca: salsiccia fresca, lonza, coppone, pancetta, bracioline, pollo… tutti i tagli già confezionati sottovuoto.

Un mercato da mangiare

Se il piatto forte dei mercati d’autunno a partire da venerdì saranno le caldarroste, ci saranno anche i crescioni alla zucca e alle erbe dell’azienda agricola e agriturismo Fattoria Romagnola che proporrà anche piadine con i formaggi dei produttori del Mercato della terra.

Come sempre si potrà sostare ai tavoli allestiti all’interno dell’area del mercato per assaggiare i prodotti della propria spesa o per degustare una birra artigianale del Birrificio Valsenio, oppure un calice dei vini presenti al mercato ora che i vignaioli cominciano a tornare finita la vendemmia. Per la degustazione basta chiedere un calice al tavolo della Condotta slow food Imola (versando una cauzione che verrà restituita alla riconsegna del bicchiere).

I produttori presenti a questa edizione sono:

Azienda agricola Angirelle, marroni della vallata del Sillaro

Azienda agricola I Cuori di Cristiana Conti, zafferano biologico di Romagna

Birrificio Valsenio con la sua birra artigianale e anche biologica in bottiglia da acquistare o spillata al momento da bere

Biscotteria naturale Zenzero candito con la sua grande varietà di proposte dolci e salate, alcune delle quali realizzate in sinergia con altri produttori dello stesso Mercato: biscotti con i vini bio di Nerio Cassani o la frutta biodinamica di Patrizia Bartoletti, muffin con il formaggio di Giugnola prodotto da Zecchinelli

Azienda agricola Valsellustra con i formaggi di pecora stagionati e la ricotta freschissima

Azienda agricola Ragazzini coi salumi bio e di mora romagnola da Fontanelice

Azienda agricola Zecchinelli con il pane casereccio a pasta madre, i cereali biologici e il formaggio di mucca

Azienda agricola La Montanara di Nerio Cassani, cachi, marroni, verdure sottovetro bio

Azienda Agricola Vernelli, noci nostrane, pere volpine, uva, succhi di frutta, confetture, passata di pomodoro

Azienda agricola Chiara Boschi, confetture e succhi di pesca bio

Cantina Quinzan con i vini biologici autoctoni faentini come l’interessante Centesimino

Apicoltura Betti con il miele di acacia delle valli del Santerno e della vicina Toscana

Sinergie rurali con gli ortaggi dalle colline di Modigliana

Fattoria romagnola con gli ortaggi e le uova di gallina e anatra di fattoria

Azienda agricola Jacopo Giovannini con i vini del territorio

 

Il Mercato della terra di Imola, in viale Rivalta 12, da ottobre ha adottato l’orario nuovo invernale: dalle 16 alle 19 che si protrarrà fino ad aprile 2014.

Il mercato successivo ci sarà il 22 novembre.

Segui il Mercato della terra di Imola anche su Facebook: https://www.facebook.com/MercatoDellaTerraDiImola

SPESA CON L’AUTORE AL MERCATO DELLA TERRA DI IMOLAultima modifica: 2013-11-04T15:32:26+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento