Ecco quali pesci pigliare

1728832638.jpg

La Condotta Slow Food Imola in collaborazione con lo Zoo Acquario

e Osteria del Vicolo Nuovo, Cantina Tre Monti,  Gelateria BuonGelato propongono una serata per imparare qualcosa di più su una delle risorse più sfruttate e bistrattate, il mare.

“CHE PESCI PIGLIARE” Giovedì 11 SETTEMBRE ore 18.30 e cena alle 20.45

Il nemico del mare arriva da terra: agricoltura, zootecnia e i loro residui di pesticidi e liquami riversati a valle. Attività umane e industriali, dallo smaltimento rifiuti agli scarichi delle aziende. Tutti i comportamenti di chi sta a terra influiscono sulla salute dell’ecosistema marino, con conseguenze serie non solo per  l’ambiente acquatico, ma per gli stessi uomini che mangiandone il pesce contaminato scontano così parecchi  rischi per la propria salute.

Assunto che il buon gastronomo oggi non può non essere anche ecologista, “noi della razza
di chi rimane a terra” affrontiamo con gli autori del libro edito da Slow food i temi legati alle pratiche di pesca, ai rischi ambientali per gli ecosistemi marini, alle cattive pratiche da evitare e a  quelle buone da mettere in atto per essere davvero consumatori responsabili, mangiar bene e insieme  rispettare il pianeta.

La scelta dello Zoo Acquario per un’iniziativa Slow food non è provocatoria ma naturale. Se si parla di cibo e in questo caso di pesca, si deve necessariamente affrontare il problema dell’ambiente. E certamente in fatto di cultura marina lo Zoo Acquario di Imola da anni  si impegna in prima linea.

Che cos’è Terra Madre

La terza edizione di Terra Madre si svolgerà a Torino dal 23 al 27 ottobre 2008, in concomitanza con il Salone del Gusto. L’incontro mondiale della rete di Terra Madre riunisce per quattro giorni comunità del cibo, cuochi, docenti e giovani provenienti da tutto il mondo impegnati a lavorare per promuovere una produzione alimentare locale, sostenibile e rispettosa dei metodi ereditati e consolidati nel tempo.
Quest’anno la rete si rafforza grazie al movimento dei giovani impegnati nella difesa del cibo e della cultura alimentare, lo Youth Food Movement, lanciato in occasione del V Congresso Internazionale di Slow Food in Messico nel 2007. Lo Youth Food Movement è nato da un’idea degli studenti dell’
Università degli Studi di Scienze Gastronomiche e da Slow Food Usa ed è formato da un gruppo di studenti dei campus americani, giovani produttori, cuochi e attivisti. L’obiettivo è arrivare a coinvolgere, entro la fine di ottobre, oltre 1000 giovani da tutto il mondo, che si uniranno alle comunità del cibo provenienti dai cinque continenti, a 5000 contadini, allevatori, pescatori, artigiani e trasformatori, 1000 cuochi e 400 rappresentanti del mondo accademico per rinsaldare gli anelli di una catena che, negli ultimi anni, è diventata sempre più forte: la rete di Terra Madre.
Terra Madre, incontro organizzato dalla
Fondazione Terra Madre, riunisce e mette a confronto produttori e operatori del settore agroalimentare mondiale, che avranno l’opportunità di discutere sulle grandi tematiche della produzione alimentare. Loro sono rappresentativi di un modo diverso e più complesso di intendere il cibo di qualità: attento alle risorse ambientali, agli equilibri planetari, all’aspetto organolettico dei prodotti, alla dignità dei lavoratori e alla salute dei consumatori.

Il programma della serata

Ore 18.30 presentazione del libro “Guarda che mare” di Cinzia Scaffidi e Silvio Greco, in compagnia dello stesso autore Silvio Greco nell’anfiteatro all’aperto dell’Acquario di Imola (via Aspromonte, 19)

Ore 20.30 “Pesce povero mangia pesce ricco”, cena con i pesci snobbati dall’usuale mercato e consumo all’Osteria del Vicolo Nuovo (vicolo Codronchi, 6).

Il menu

Sformato di  verdure con polpa di mazzola in olio extravergine

Involtini di melanzana con ricotta della Valle del Santerno e  sarde

Minestra di mondellini all’uovo con seppioline e pavarazze

Sugarelli profumati con erbe e tortino di porri

Fantasie di creme ghiacciate “Meno 18” a base di presìdi Slow Food  della gelateria “BuonGelato”

In abbinamento Vini del territorio della Cantina Tre Monti di Imola

Il menu potrà subire variazioni in base alla disponibilità del pescato del giorno

Chef di cucina: Stefania Baldisarri, Simona Sapori

Costo della cena 38 euro per i soci Slow food, 40 per chi ancora non lo è.

Il ricavato della serata sarà devoluto alle iniziative di Terra Madre.

Prenotazioni per la cena entro l’8 settembre chiamando la fiduciaria al numero 3479673223, la partecipazione alla presentazione del libro e’ aperta a tutti

La scheda del libro

Partendo dalla descrizione dello stato di salute dei mari e dai comportamenti quotidiani (dei cittadini e delle attività agricole e industriali) che hanno conseguenze su qualità e salubrità delle acque, se ne illustrano le conseguenze sulla pesca. Poiché la stessa attività di prelievo è uno dei fattori da considerare, sono quindi descritte le tipologie di pesca (attrezzi e tecniche) e le problematiche a esse collegate: ambiente marino (rapporto tra terra e mare, inquinamento, problemi gestionali); economia (mercati, distribuzione); gestione (norme nazionali e internazionali, politiche europee). Infine si illustrano i comportamenti da incoraggiare e l’indirizzo da dare ai consumi, proponendo modelli sostenibili a famiglie, ristoratori e grande distribuzione e fornendo puntuali suggerimenti per l’approfondimento. Una sezione dedicata alle ‘Parole del mare e della pesca’ consegna al lettore un glossario tematico di supporto. Un libro ricco di informazioni che vuole fornire utili strumenti per comprendere le dinamiche culturali, economiche e sociali che sottendono al mondo della pesca e fornire indicazioni sui comportamenti virtuosi da adottare da parte di operatori, ma soprattutto consumatori e anche ristoratori, per migliorare le condizioni di mari.

Gli autori

Silvio Greco  è biologo marino, per 25 anni si è occupato di pesca e acquacoltura al Cnr, oggi è dirigente di ricerca all’Icram. Ha svolto campagne scientifiche di pesca in quasi tutti i mari del mondo.

Cinzia Scaffidi dirige il Centro studi di Slow Food. Filosofa e storica di formazione, ha quasi trent’anni di esperienza in campo giornalistico, oggi si occupa prevalentemente di tutela della biodiversità e dell’ambiente, ha curato per Slow Food editore diversi volumi in particolare della colla Terra Madre.

Laura

Ecco quali pesci pigliareultima modifica: 2008-09-03T17:06:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento